home » archivio notizie » ultime notizie

Confedilizia presenta il secondo Borsino Immobiliare

30 Gennaio 2007. La Confedilizia ha presentato i risultati di "Un anno di quotazioni del Borsino immobiliare Confedilizia", raccolti in una apposita pubblicazione.


La Confedilizia ha presentato i risultati di "Un anno di quotazioni del Borsino immobiliare Confedilizia", raccolti in una apposita pubblicazione. Il Borsino immobiliare Confedilizia rileva, ogni semestre, i valori di compravendita degli immobili adibiti ad uso abitativo di 103 province (46 città del Nord, 25 del Centro e 32 del Sud). La seconda edizione della pubblicazione riporta i dati che emergono dalla media della rilevazione dei due semestri del 2006. I valori minimi sono riferiti ad immobili da ristrutturare completamente. I valori massimi sono riferiti ad immobili nuovi e ristrutturati.
Fra i valori massimi di compravendita registrati si segnalano - per le zone centrali - Roma (con una media di 6.050 euro al metro quadro), Milano (5.800 euro mq) e Siena (5.280 euro mq); per le zone semi centrali, Milano (4.650 euro mq), Roma (4.520 euro mq) e Torino (3900 euo mq); per le zone periferiche, Roma (3.600 euro mq), Siena ( 3.580 euro mq) e Milano (3.170 euro mq).
Con riferimento alle aree geografiche, i valori massimi medi si registrano al Nord (2.424 euro al metro quadro); seguono il Centro (2.022 euro mq) e il Sud con le isole (1.716 euro mq).
Per i valori minimi è sempre il Nord a registrare il prezzo medio più alto (1.014 euro mq), seguito dal Centro (1.000 euro mq) e dal Sud ed isole (848 euro mq).
Le previsioni del Borsino immobiliare della Confedilizia, che redige i propri dati in base alle informazioni che vengono raccolte attraverso le rilevazioni di oltre 200 sedi territoriali, sono per un forte ridimensionamento dell'investimento immobiliare (con conseguente ripercussione sui prezzi delle transazioni), già manifestatosi con la sola prospettiva - per i forti aumenti sull'imposizione fiscale che esso provocherebbe - della messa a regime di un Catasto patrimoniale (cioè di valori, anzicé di rediti), forte ridimensionamento destinato a protrarsi almeno fino a che la situazione in proposito non si chiarisca in Parlamento..

Notizia pubblicata il 30/01/2007

Documenti allegati:   documento.pdf  |


HOMEPAGE

Archivio Notizie