home » archivio notizie » ultime notizie

L'attestato di certificazione energetica

25 maggio 2007. Dal 8 ottobre 2006 è operativa l'obbligatorietà della certificazione energetica degli edifici prevista nel Decreto Legislativo del 19 agosto 2005 n. 192


L'attestato di certificazione energetica

Dal 8 ottobre 2006 è operativa l'obbligatorietà della certificazione energetica degli edifici prevista nel Decreto Legislativo del 19 agosto 2005 n. 192 che ha recepito la direttiva 2002/91/CEE che riguarda il rendimento energetico in edilizia.

Il Governo, tuttavia, ha, doverosamente, ritenuto, da un lato, per non creare incertezze nel mercato degli immobili, dall'altro, per evitare elle inuili complicazioni burocratiche, e, dall'altro ancora, di consentire l'osservanza della nuova normativa sull'efficienza energetica, di dettare alcune soluzioni temporanee, correggendo il citato decreto.
Con il Decreto Legislativo del 29 dicembre 2006, in particolare, fino a quanto non entreranno in vigore le linee guida nazionali la certificazione energetica è stata, temporaneamente, sostituita con un attestato di qualificazione elaborato dal progettista o dal direttore dei lavori.
Uno degli elementi più rilevanti del D.lgs 192/2005 è l'attestato di certificazione energetica che il costruttore deve farsi rilasciare da esperti o organismi accreditati, aventi particolari requisiti profesisonali e carateristiche di indipendenza. Tale certificato è allegato all'atto di compravendita, in originale o copia autenticata, nonché messo a disposizione del conduttore di un immobile.
L'articolato richiamato precisa, ancora, che gli acquirenti nonché i conuttori posono avvalersi della clausola di nullità per i contratti stipulati in mancanza dell'attestato. Il Ministero dello Sviluppo Economico, peraltro, ha fornito, con una circolare, chiarimenti e precisazioni riguardanti le modalità applicative del D.Lgs 192/2005 precisando che tale certificazione non avrebbe, comunque, creato incertezze nel mercato edilizio, perché gli edifici soggetti all'obbligo di certificazione energetica sono edifici per i quali il permesso di costruire è stato richiesto dopo l'8 ottobre 2005 (entrata in vigore del decreto 192/2005), quindi, nella maggior parte dei casi, poiché i lavori per i suddetti edifici, verosimilmente, non potevano essendo completati prima della primavera 2007, le linee guida nazionali sarebbero, nel frattempo, state rese note (in realtà esse non saranno pubblicate prima dell'estate prossima).
La soluzione temporanea dell'attestato di qualificazione non rappresenta
l'unica novità introdotta dallo schema di decreto. l provvediento estende l'obbligo della certificazione energetica anche ai vecchi edifici, seppure attraverso un percorso graduale.
Gli immobili che dovranno calcolare il proprio rendimento energetico non saranno più solo quelli di nuova costruzione.
Dal 1° luglio 2007 il certificato che attesti la capacità di risparmio energetico diventerà obbligatorio anche per gli edifici esistenti o in fase di costruzione alla data di entrata in vigore del dlgs 192/2005. Ma solo nel momento della compravendita.
Sempre dal 1° luglio 2007 diventa obbligatorio il “bollino verde” anche per gli edifici superiori ai 1000 metri quadrati, nel caso di compravendita dell'intero immobile.
Dal 1° luglio 2008 l'obbligo viene esteso anche agli immobili di superficie inferiore ai 1000 metri quadrati, ma sempre nel caso di compravendita dell'intero immobile.
Soltanto dal 1° luglio 2009 l'attestato di efficienza energetica non potrà mancare anche nelle compravendite di singoli appartamenti.

Av. Roberto ella - Presidente IRCA

Notizia pubblicata il 25/05/2007


HOMEPAGE

Archivio Notizie