home » archivio notizie » ultime notizie

Attestato energetico: la certificazione energetica

18 luglio 2008. Attestato energetico: la certificazione energetica spiegata
L'attestato energetico è un documento ufficiale prodotto da un soggetto accreditato dai diversi organismi di accreditamento ed è utile, uin buona sostanza per più scopi.


Attestato energetico: la certificazione energetica spiegata
L'attestato energetico è un documento ufficiale prodotto da un soggetto accreditato dai diversi organismi di accreditamento ed è utile, uin buona sostanza, per due scopi principali:


per il rogito, l'attestato energetico, deve essere prodotto al notaio solo per quello casistiche in cui è necessario;
per l'accesso alle detrazioni del 55% sul reddito IRPEF l'attestato energetico deve essere consegnato, in copia, all'Organismo competente (ENEA).

Con la recente introduzione dei decreti attuativi da parte di diverse regioni oltre la Lombardia, si sono costituiti i diversi Organismi che supervisionano all'accreditamento dei professionisti abilitati alla redazione dell'attestato energetico.

In particolare per la provincia di Milano e la regione Lobmardia, Punto Energia S.c.a.r.l. è l'Ente creato da Regione Lombardia preposto alla supervisione di tutte le operazioni che riguardano la certificazione energetica: dalla formazione alla produzione di atti quali l'attestato energetico.

L'attestato energetico (sarebbe meglio chiamarlo "attestato di certificazione energetica") è un documento che stabilisce un valore di consumo del Vostro immobile inserendolo in una apposita classe di appartenenza. Più è bassa la lettera associata al Vostro immobile e minore sarà il suo consumo.

L'attestato energetico viene prodotto sulla base di calcoli, è una dichiarazione asseverata prodotta sotto la responsabilità del certificatore che la redige.

Sono previste pesanti sanzioni in caso di errori o mancanze inserite nell'attestato energetico.

Per tutte le informazioni in merito all'attestato energetico (quando serve, quanto costa, etc. etc.) vi invitiamo a consultare la sezione domande ricorrenti.



La legge è cambiata di recente, come posso sapere se le informazioni di questo sito sono aggiornate ?
E' sufficiente guardare la data di pubblicazione dell'articolo, presente in fondo ad ogni pagina. Il nostro sito è costantemente aggiornato. Se cambia la Legge cambiano le informazioni presenti in questo sito.

Quando serve la certificazione energetica ?
Dipende principalmente da tre fattori: chi siete (privato, azienda o pubblica ammiinstrazione), obiettivi da raggiungere (rogito o detrazione fiscale) e la regione in cui vivete.
La certificazione energetica vi può servire nei seguenti casi: se siete un privato potreste avere bisogno di un certificatore energetico che rediga la certificazione energetica in quanto avete la necessità di usufruire della detrazione del 55% sull'IRPEF a seguito di interventi di riqualificazione energetica;
se siete un privato o un'azienda e avete la necessità di rogitare un'immobile o parte dello stesso in Lombardia sappiate che è obbligatoria la certificazione a decorrere dal 1° settembre 2007, per tutti gli edifici, nel caso di trasferimento a titolo oneroso dell’intero immobile.
Qualora l’intero edificio oggetto di compravendita sia costituito da più unità abitative servite da impianti termici autonomi, è previsto l’obbligo della certificazione energetica di ciascuna unità;
se siete una pubblica amministrazione e possedete uno stabile in Lombardia è obbligatorio produrre l'attestato di certificazione energetica a decorrere dal 1° settembre 2007 ed entro il 1° luglio 2009 (solo nel caso la cui superficie utile superi i 1000 mq)
se siete un'impresa di costruzioni ed operate in Lombardia sappiate che gli edifici per i quali, a decorrere dal 1° settembre 2007, verrà presentata la denuncia di inizio attività o la domanda finalizzata ad ottenere il permesso di costruire per interventi di nuova costruzione, demolizione e ricostruzione in manutenzione straordinaria o in ristrutturazione, ristrutturazione edilizia che coinvolgono più del 25% della superficie disperdente dell’edificio cui l’impianto di riscaldamento è asservito, dovranno essere dotati, al termine dei lavori, dell’attestato di certificazione energetica. Con la stessa decorrenza, con onere a carico del proprietario o chi ne ha titolo, gli edifici sottoposti ad ampliamenti volumetrici, sempre che il volume a temperatura controllata della nuova porzione dell’edificio risulti superiore al 20% di quello esistente, devono essere dotati di attestato di certificazione energetica:
limitatamente alla nuova porzione di edificio, se questa è servita da uno o più impianti ad essa dedicati;
all’intero edificio (esistente più ampliamento), se la nuova porzione è allacciata all’impianto termico dell’edificio esistente.



Quanto costa il servizio di certificazione energetica di un edificio ?
E' doveroso premettere che non esiste un "listino prezzi", esistono dei prezzi di riferimento che possono essere discussi telefonicamente sulla base di una breve intervista telefonica. Innanzitutto dovete capire cos'è la certificazione energetica. Come tutte le Opere dell'ingegno non è possibile stabilire un prezzo a priori in quanto non si può stabilire quanto tempo si impiegherà per adempiere alla pratica. I fattori che influenzano il costo dell'operazione sono diversi, tra i quali: le dimensioni dell'immobile, tipologia di impianti presenti, quantità e qualità del materiale che il cliente mette a disposizione del certificatore.
Vi invito, prima di contattarci, a leggere attentamente questo articolo che ho pubblicato su diversi blog.

Chi deve pagare la certificazione energetica, il venditore o il compratore?
se il documento non è già presente è onere del venditore fornirlo, pertanto è proprio il venditore che deve pagare un certificatore energetico affinchè rediga una certificazione. Questo è ovviamente salvo diversi accordi. (cfr. d.lgs. 311/06, art. 2. Modifiche all'articolo 6 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192)

Come scegliere il certificatore ?
Il certificatore deve essere un soggetto abilitato ed iscritto all'albo. Le recenti modifiche hanno finalmente dato il via all'albo dei certificatori energetici. Tutto il nostro personale è regolarmente iscritto.

Quanto tempo ci vuole per fare la certificazione di un immobile ?
Ci possono volere anche delle settimane! Molti nostri clienti ci hanno contattato chiedendo degli attestati di certificazione energetica relativi ad immobili di dimensioni superiori a 1.000 mq. nell'arco di pochi giorni. Questo è praticamente impossibile! L'attestato di certificazione energetica è un documento che va prodotto sulla base di calcoli, disegni e sopralluoghi. Facciamo sempre l'impossibile, non i miracoli !

Ma questa procedura relativa al certificato energetico è obbligatoria in tutta Italia ?
La risposta è: NO. Come sempre purtroppo l’Italia si distingue per il caos legislativo e normativo che accompagna i suoi decreti. In particolare, alla data di redazione del presente articolo, solo le regioni Lombardia, Emilia Romagna, Liguria e le Province autonome di Trento e Bolzano hanno stabilito i decreti attuativi e pertanto sono le uniche regioni nelle quali l'attestato di certificazione energetica è obbligatorio.

Questo attestato di certificazione mi serve per ottenere dei vantaggi fiscali ?
E' doveroso fare chiarezza. Per ottenere il beneficio di certi sgravi fiscali è necessario che un tecnico abilitato (certificatore energetico) verifichi che le opere effettuate abbiano apportato effettivamente un risparmio in termini energetici. Si può detrarre, da tre fino ad un massimo di dieci anni, il 55% di tutte le spese sostenute (consulenza compresa). Il pagamento della fattura deve essere effettuato con bonifico bancario e la causale deve contenere nome dell'installatore, data e numero della fattura. Deve esserci inoltre un attestato di qualificazione energetica predisposto da un professionista abilitato o un attestato di certificazione energetica. Per le procedure del caso non esitate a contattarci telefonicamente.

Cosa ha prodotto la certificazione energetica nelle regioni in cui è già operativ

Notizia pubblicata il 19/07/2008


HOMEPAGE

Archivio Notizie