home » archivio notizie » ultime notizie

CERTIFICAZIONI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

08 giugno 2008. LA DICHIARAZIONE IMPIANTI DEL PROPRIETARIO PER LA VENDITA/LOCAZIONE


CERTIFICAZIONI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

“ LE CLAUSOLE DA INSERIRE NEI PRELIMINARI ”

LA DICHIARAZIONE IMPIANTI DEL PROPRIETARIO PER LA VENDITA/LOCAZIONE



Il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 22 gennaio 2008, n. 37, in vigore dal 27 marzo 2008, contiene una disciplina di riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all’interno degli edifici.
Il Decreto Ministeriale si applica ai seguenti impianti:
a)impianti di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione, utilizzazione dell’energia elettrica, impianti di protezione contro le scariche atmosferiche, nonché gli impianti per l’automazione di porte, cancelli e barriere;
b)impianti radiotelevisivi, le antenne e gli impianti elettronici in genere;
c)impianti di riscaldamento, di climatizzazione, di condizionamento e di refrigerazione di qualsiasi natura o specie, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e delle condense, e di ventilazione ed aerazione dei locali;
d)impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie;
e)impianti per la distribuzione e l’utilizzazione di gas di qualsiasi tipo, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e ventilazione ed aerazione dei locali;
f)impianti di sollevamento di persone o di cose per mezzo di ascensori, di montacarichi, di scale mobili e simili;
g)impianti di protezione antincendio.
In pratica tutti gli impianti posti al servizio degli edifici, indipendentemente dalla loro destinazione d’uso, collocati all’interno degli stessi o delle relative pertinenze.
Se si tratta di unità immobiliari in fabbricato condominiale, la norma si applica anche agli impianti del condominio.
La nuova normativa stabilisce che in caso di trasferimento dell’immobile il venditore è obbligato a consegnare all’acquirente la documentazione amministrativa e tecnica degli impianti, nonché i libretti di uso e di manutenzione.
Nell’atto notarile di trasferimento deve essere riportata la garanzia del venditore in ordine alla conformità degli impianti alla vigente normativa in materia di sicurezza.
La responsabilità della garanzia di conformità degli impianti resta a carico della parte venditrice dalla quale è comunque consigliabile farsi sottoscrivere una dichiarazione preventiva allo scopo di evitare ricadute di responsabilità professionali a carico dell’agente immobiliare che predispone l’atto preliminare. ( vedi testo della dichiarazione in calce ).
La garanzia del venditore non è obbligatoria inserirla nei preliminari ma è sicuramente opportuno al fine di evitare sorprese al momento della stipulazione del rogito notarile di trasferimento della proprietà.
A tal fine riportiamo, di seguito, alcune indicazioni delle clausole da inserire nei preliminari, precisando che i testi devono essere adattati ad ogni singola operazione.Le clausole nei preliminari di vendita




Impianti conformi e possesso delle relative certificazioni
In ordine alle norme di sicurezza degli impianti installati nell’immobile in oggetto ed ai sensi e per gli effetti del decreto ministeriale del 22 gennaio 2008 numero 37, la parte promittente garantisce che tali impianti sono conformi alla vigente normativa e dotati della relativa documentazione che la parte promittente si obbliga a consegnare alla parte promissoria al momento del trasferimento
Convengono fin d’ora espressamente le parti di non allegare all’atto di trasferimento le dichiarazioni di cui all’articolo 13 del citato decreto.



Impianti conformi solo al momento della stipulazione del rogito di vendita

In ordine alle norme di sicurezza degli impianti installati nell’immobile in oggetto ed ai sensi e per gli effetti del decreto ministeriale del 22 gennaio 2008 numero 37, la parte promittente garantisce che essi saranno conformi al momento del trasferimento alla vigente normativa e dotati della relativa documentazione, che la parte promittente si obbliga a consegnare alla parte promissaria a tale data.
Convengono fin d’ora espressamente le parti di non allegare all’atto di trasferimento le dichiarazioni di cui allo stesso 13.



Promessa di vendita da impresa costruttrice o comunque di immobile costruito in forza di titolo abilitativo rilasciato dopo il 26 marzo 2008
Garanzia impianti e accordi sull’agibilità

In ordine alle norme di sicurezza degli impianti da installare nell’immobile in oggetto ed ai sensi e per gli effetti del decreto ministeriale del 22 gennaio 2008 numero 37, la parte promittente garantisce che tali impianti saranno installati in modo conforme alla vigente normativa, obbligandosi a consegnare alla parte acquirente, non oltre la data del trasferimento, la relativa documentazione amministrativa e tecnica ed i libretti di uso e manutenzione nonché le dichiarazioni di cui all’articolo 13 del citato decreto.
Ove al momento del trasferimento definitivo non sia ancora stata rilasciata la agibilità, la medesima parte promittente si obbliga a garantire espressamente in atto:
- di aver presentato ai competenti uffici istanza per il suo rilascio e di aver ivi prodotto ogni documentazione all’uopo necessaria e, in particolare, quella prevista dall’articolo 9 del decreto ministeriale 22 gennaio 2008 numero 37 nonché la dichiarazione di conformità degli impianti alle norme sulle sicurezza;
- che non è intervenuto alcun evento che abbia interrotto il formarsi del “silenzio assenso” abilitativo della agibilità;
fermo rimanendo a suo carico esclusivo ogni eventuale opera, onere e spesa di qualsiasi natura che si rivelino necessari a per l’ottenimento del rilascio stesso.
Entrambe le parti concordemente ed espressamente convengono
- che il mancato rilascio della agibilità non sia d’ostacolo alla stipulazione del trasferimento definitivo, salva la garanzia da rendersi dalla parte promittente in tale atto, nei modi di cui sopra;
- che non intendono siano allegate all’atto di trasferimento le dichiarazioni di cui all’articolo 7 del decreto stesso.

Nell’immobile non è installato alcun impianto
Dichiarazione della parte promittente non avendo la parte promissaria visitato l’immobile

La parte promittente non si limita a dichiarare la assenza degli impianti ma espressamente la garantisce, rendendosi responsabile per quanto possa derivare a carico della parte promissaria in seguito ad una sua dichiarazione non veritiera

La parte promittente dichiara e garantisce che nell’immobile non è installato alcuno degli impianti di cui decreto ministeriale 22 gennaio 2008 numero 37, per cui si trova nell’impossibilità di adempiere a quanto previsto dall’articolo 13 del decreto stesso, avendo in tal senso concordato con la parte promissaria.
Dichiara di essere a perfetta conoscenza dei rischi che possano derivare a suo carico in relazione allo specifico stato degli impianti stessi, assumendo ogni e qualsiasi responsabilità verso la parte promissaria e verso i terzi per danni di qualunque natura che possano derivare da una dichiarazione non veritiera, rimanendo altresì a suo carico, in tale ipotesi, spese ed oneri tutti necessari per il loro adeguamento e riservandosi la parte promissaria di esperire di ogni azione a danno della parte alienante che comunque le competa in materia.


L’immobile non è provvisto di alcun impianto
Dichiarazione concorde delle parti, avendo la parte acquirente visitato l’immobile

Le parti concordemente dichiarano che l’immobile in oggetto è del tutto privo degli impianti di cui decreto ministeriale 22 gennaio 2008 numero 37, per cui la parte promittente si trova nell’impossibilità di adempiere a quanto previsto dall’articolo 13 del decreto stesso.
La parte promissaria, che dichiara di aver con cura visionato l’immobile, prende atto di tale impossibilità della parte promittente e, per quanto occorrer possa, la esonera da ogni e qualsiasi responsabilità al riguardo, rinunciando altresì a ogni e qualsiasi azione, anche di risarcimento, che possa eventualme

Notizia pubblicata il 10/06/2008


HOMEPAGE

Archivio Notizie