home » archivio notizie » ultime notizie

BOX, RISCHI GIURIDICI SULLA VENDITA

13 dicembre 2007. Pertinenze. Niente vincolo, ma solo se il bene resta ai residenti si può affermare che non c’è contrasto con l’”interesse pubblico”
Sì al contratto se serve a cambiare il luogo del legame, da un alloggio all’altro


Pertinenze. Niente vincolo, ma solo se il bene resta ai residenti si può affermare che non c’è contrasto con l’”interesse pubblico”
BOX, RISCHI GIURIDICI SULLA VENDITA
Sì al contratto se serve a cambiare il luogo del legame, da un alloggio all’altro


La liberalizzazione della vendita dei box e posti auto, a due anni dal varo della modifica perplessità che suggeriscono molta prudenza a chi intende cederli. Il comma 9 dell’articolo 12 della legge 246/2005 ha aggiunto, all’articolo 41-sexies della legge 1150/1942, il seguente comma:
«Gli spazi per parcheggi realizzati in forza del primo comma non sono gravati da vincoli pertinenziali di sorta né da diritti d’uso a favore dei proprietari di altre unità immobiliari e sono trasferibili autonomamente da esse».
È stato quindi annunciato:
a) che sarà possibile trasferire liberamente le aree vincolate a parcheggio;
b) che le aree vincolate a parcheggio non sono gravate da diritti d’uso in favore degli abitanti, il cui numero è considerato per determinarne la superficie;
c) che le aree trasferite non sono state obbligatoriamente realizzate,né soggette all’uso di coloro che stabilmente le occupano o abitualmente vi accedono.
In realtà la nuova disposizione di legge si riferisce, soltanto ed esclusivamente, agli «spazi per parcheggi realizzati in forza del primo comma» dell’articolo 41-sexies della legge 17 agosto 1942, n. 1150 che, come modificato dalla legge 6 agosto 1967, n. 765 cosi dispone «Nelle nuove costruzioni e anche nelle aree di pertinenza delle costruzioni stesse devono essere riservati appositi spazi per parcheggi in misura non inferiore a un metro quadrato per ogni venti metri cubi di costruzione». La legge 122/89 ha poi dimezzato il rapporto, stabilendolo in i metro quadrato ogni 10 metri cubi.

Gli effettui
In primo luogo,la nuova legge dispone che gli spazi per parcheggi realizzati (obbligatoriamente) in forza del primo comma dell’articolo 41-sexies della Legge 1150/1942 «non sono gravati da vincoli pertinenziali di sorta». La nuova disposizione di legge, quando stabilisce che le aree per parcheggi non sono gravate da vincoli pertinenziali «di sorta»,mira a cancellare soltanto ed esclusivamente la «sorta» individuata nell’esperienza giurisprudenziale cioè il collegamento funzionale, “forzoso”o”coattivo,con le unità immobiliari per le quali vengono obbligatoriamente realizzate.
Il proprietario di queste aree per parcheggi ha conquistato così il diritto di goderne e ridisporre indipendentemente dal godimento e dalla circolazione delle unità immobiliari per le quali queste aree sono state obbligatoriamente realizzate.

L’interesse pubblico
Gli «spazi per parcheggi realizzati obbligatoriamente in forza del primo comma dell’articolo 41-sexies della legge 17 agosto 1942, n. 1150», però. sono e restano beni giuridici di interesse pubblico. Ne deriva che le situazioni soggettive che hanno per oggetto questi stessi spazi non sono state cancellate dalla nuova disposizione di legge. Gli «spazi per parcheggi realizzati obbligatoriamente in forza del primo comma dell’articolo 41-sexies della legge 17agosto 1942 n. 1150» sono e restano destinati all’uso a favore dei “residenti” cioè degli “abitanti.”. .Se questo è vero, sono minate le basi su cui può fondarsi la funzione della vendita . Lo scambio del valore di un bene verso un corrispettivo in danaro non ha senso se il valore del bene resta lo stesso.
Poiché il valore d’uso del bene deve restare lo stesso per i residenti, ovvero per gli abitanti, la funzione della vendita può attuarsi soltanto quando risulta che il trasferimento del bene è preordinato a chiedere e ottenere il mutamento di luogo del vicolo a parcheggio, nel pieno rispetto della disciplina urbanistica-edilizia.
Infatti,soltanto in questo caso la funzione della vendita non contrasta con il soddisfacimento di concrete esigenze urbanistico-edilizie della proprietà vincolata” , dato che l’acquisto del diritto ha la funzione di consentire al compratore di trasferire il vincolo dell’area gravata (cantinato ,piano terra,piano rialzato) ed altra area (adiacente all’edificio). Perciò in futuro i trasferimenti di proprietà delle aree in cui si trovano gli “spazi per parcheggi realizzati obbligatoriamente in forza del primo comma dell’articolo 41-sexies della legge 17 agosto 1972 n. 1150” se attuati mediante contratti (la vendita) la cui funzione è lo scambio di cosa contro prezzo, corrono il rischio di essere considerati come strumenti che generano un mutamento del regime giuridico di questi beni.

FONTE : SOLE24ORE

Notizia pubblicata il 13/12/2007


HOMEPAGE

Archivio Notizie